Sabato, 12 Dicembre 2015 00:00

Your Silent Face, Andreoni e Siwei alla Galleria Viasaterna

Luca Andreoni, "Inferno 1911" Luca Andreoni, "Inferno 1911"

 Milano - Viasaterna Arte Contemporanea presenta, da mercoledì 16 dicembre 2015 a venerdì 11 marzo 2016, una nuova esposizione di opere inedite.

La mostra Your Silent Face (Il tuo volto silenzioso) associa il nuovo lavoro di Luca Andreoni - tra gli autori più attivi della fotografia italiana contemporanea - intitolato “Inferno 1911” con una selezione di opere, anch'esse mai esposte in Italia, di Zhou Siwei, artista cinese conosciuto per la sua ricerca poetica che combina tecnica e sperimentazione sulla trama di una filosofia complessa. 

“Inferno 1911” è una serie fotografica interamente realizzata da Andreoni nel 2014, immergendosi nelle montagne delle Grigne, un massiccio della Lombardia. Noto tra alpinisti e scalatori per la bellezza e la varietà delle arrampicate, all'inizio del secolo scorso la Grigna è stata teatro di alcune scene di “Inferno”, uno dei primi kolossal realizzati in Italia. Prodotto dalla Milano Films, il lungometraggio era l’adattamento cinematografico del viaggio di Dante nell'Ade, realizzato con effetti speciali e tecniche di montaggio assolutamente all’avanguardia.

Come “Inferno”, anche l'opera di Andreoni assorbe l’ambiente ostile di roccia calcarea e nebbia per calare lo spettatore in un'atmosfera sospesa ed enigmatica; dove la fotografia, mezzo privilegiato per penetrare nelle pieghe della realtà, si trasforma in strumento di occultamento. E di perdita: della superficie delle cose, dell'orientamento, della tranquillità. Con “Inferno 1911” Andreoni investiga un campo intermedio: non si tratta più di vedere, ma di intravedere. Concentrando l'attenzione su una porzione delle sue immagini, si ritrova una quantità di dettagli minimi e inaspettati (vegetazione, persone, oggetti...), ma non c'è certezza. Resta lo sforzo ininterrotto di guardare, di capire, di scoprire, svestendo letteralmente la pelle della montagna dai drappi bianchi delle nuvole e della foschia. In un percorso ugualmente ambiguo che nel tendere a una costante ascesa sembra condurre alle porte degli inferi. 

Il lavoro di Zhou Siwei ( nella foto a sinistra "CCD" ) è indipendente dall'utilizzo di una specifica tecnica o disciplina artistica. Nel corso della sua carriera, iniziata a metà degli anni 2000, ha alternativamente utilizzato il disegno, la pittura, la scultura e la fotografia. Le sue opere includono sempre uno o più pattern che si ripetono, riferendosi alla teoria kantiana secondo cui “gli schemi sono il collegamento trascendentale tra la sensualità dell'osservazione e i concetti della ragione”.

La semplicità è il punto di partenza del suo lavoro, che si sviluppa secondo un processo ciclico di ripetizione, evoluzione, progresso, spesso sovrapponendo diversi livelli di colore uno dopo l'altro, provocando con il medesimo gesto un cambiamento continuo. Le opere di Zhou provocano così un costante fremito percettivo, si modificano ad ogni sguardo successivo secondo una logica di inestinguibile instabilità.  Mettono in contatto la concretezza ottico-retinica con la variabile dell’esperienza individuale (gestalt) e il “mondo delle idee”. Aprono a infinite possibilità interpretative sfruttando la forza di alcune particelle elementari. 

Ambiguità, stratificazione, nascondimento, scoperta: sono questi i termini che uniscono i lavori di Luca Andreoni e Zhou Siwei e articolano il percorso della mostra. Entrambi, seppure con modalità differenti, interrogano lo spettatore sulle proprie capacità di vedere, interpretare, comprendere. Entrambi contemporaneamente cancellano e rivelano. Esperienza, razionalità e mistero si incontrano e si scontrano in un limbo a metà strada tra natura e artificio, dove il brivido dell'incognito si mescola con un silenzioso senso di assoluto.

Luca Andreoni (1961) è uno dei più prolifici autori nel panorama della fotografia italiana contemporanea. Il suo precoce impegno nel campo artistico della fotografia di paesaggio, supportato da una ricerca scrupolosa quanto poetica, lo ha portato a intense espressioni di forti valori simbolici che caratterizzano il suo lavoro. La sua opera rigorosa è ben nota nel mondo della fotografia e dell'arte contemporanea e molte prestigiose istituzioni hanno richiesto la sua partecipazione a importanti mostre e pubblicazioni. Le sue fotografie sono state incluse in collezioni importanti, tra cui quelle di proprietà della Deutsche Bank e della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo. Tra le ultime mostre cui l’artista ha preso parte si ricordano: Alberi (Project Wall, Mart, Rovereto, 2015), Macchine per abitare – Fotografie e disegni d’architettura dalla collezione della Galleria Civica di Modena (Galleria Civica di Modena, 2013), With a little help from my friends (MA*GA, Gallarate, 2013), E subito riprende il viaggio (La Triennale, Milano, 2013).

 Zhou Siwei è nato nel 1981 a Chongqing, in Cina, dove ha studiato e si è laureato nel 2005 presso lo Sichuan Fine Arts Institute, considerato in Cina uno dei centri più innovativi per l’arte contemporanea. L’artista è noto per la sua abilità di unire suggestioni della realtà, di oggetti di uso quotidiano, con simboli frutto della propria immaginazione, fondendo il tutto in una forma d’arte astratta, naturale e armoniosa. Siwei ha esposto in numerose gallerie internazionali tra cui Aike Dellarco (Shanghai, Cina) e Urs Meile (Lucerna, Svizzera). Tra le ultime mostre cui l’artista ha preso parte si ricordano: Schematic (Mostra personale, Galerie Urs Meile, Lucerna, Svizzera, 2015), A Round Studio (Mostra personale, Aike-Dellarco, Shanghai,Cina, 2014), Ministry of Truth II: The Factitious and its Realm (Mostra collettiva, BOERS-LI GALLERY, Pechino, Cina, 2014), 7th A+A, Too Smart too be good (Mostra collettiva , PIFO Gallery, Pechino, Cina, 2014). Your Silent Face è la sua prima mostra in Italia.

 

 

Your Silent Face

Luca Andreoni, Zhou Siwei

A cura di Fantom

Da mercoledì 16 dicembre a venerdì 11 marzo 2016

Inaugurazione: martedì 15 dicembre 2015, ore 18

Presentazione stampa: martedì 15 dicembre 2015, ore 17

 

Aperta: da lunedì a venerdì, dalle 12 alle 19. La mattina e il sabato su appuntamento.

Dove: VIASATERNA, Via Giacomo Leopardi 32, Milano, 02.36725378 www.viasaterna.com

 

Liberamente