Domenica, 23 Ottobre 2016 18:27

Festa del cinema. Il pubblico premia Mortensen e il suo "Captain Fantastic"

Viggo Mortensen in una scena del film Captain Fantastic Viggo Mortensen in una scena del film Captain Fantastic

dal nostro inviato Giacomo Martini

Roma - Il pubblico, unico giudice dell'11° edizione della Festa del cinema di Roma, ha assegnato il premio al film "Captain Fantastic" di Matt Ross, con Viggo Mortensen, George MacKay, Samantha Isler, Annalise Basso.

E' evidente che il pubblico utilizza criteri diversi nelle sue scelte, da cui scaturisce un giudizio che premia più il nome dell'attore, molto popolare ed amato, e la trama fantastica ed avventurosa del film, a svantaggio degli altri aspetti estetici, critici e artistici.

Come abbiamo già scritto non abbiamo amato il film che riteniamo un'opera con grandi limiti narrativi, ma il pubblico ha sempre ragione.

Il film racconta le vicende di un padre che con i suoi sei figli, vive nelle foreste del Nord America, una scelta radicale per educare i suoi ragazzi a diventare degli uomini straordinari. Ma si abbatte sulla famiglia una tragedia che li costringe ad abbandonare quel paradiso naturale per iniziare, insieme ai suoi ragazzi, un viaggio nel mondo esterno che metterà in discussione la sua idea di "genitore" e soprattutto tutto ciò che ha insegnato ai suoi figli.

E' un film sul fallimento di un'utopia, un'ipotesi molto intelligente, ambiziosa ma difficile da raccontare. Ed è proprio su questa difficoltà che il film cade.

La festa si chiuderà con due eventi; nel primo, l'incontro ravvicinato del pubblico con Roberto Benigni. Poi per l'ultima sfilata sul red carpet (che è in contraddizione con l'idea di Festa del cinema) che vedrà sfilare Elio e le Storie Tese per la proiezione di un film a loro dedicato, dal titolo "Ritmo sbilenco" di Mattia Colombo.

La giornata di ieri era stata tutta occupata dalla politica per il cinema. Nella mattinata la presentazione da parte del Presidente della Regione Zingarett, del bando per il finanziamento delle coproduzioini di film girati nel Lazio per dieci milioni di euro; nel pomeriggio il ministro Franceschini ha illustrato il decreto della nuova legge sul cinema approvato di recente dal Senato, un decreto molto discusso e criticato che attende il confronto alla Camera e l'uscita dei decreti attuativi.
C'è molta attesa ed urgenza per la legge, la situazione del cinema italiano è molto critica, riteniamo che questa legge, così come è impostata, non risolverà le carenze strutturali della nostra
cinematografia, e alla fine premierà i poteri forti e le lobby che da sempre dominano ed allo stesso tempo limitano lo sviluppo del cinema.

 

Articoli correlati (da tag)

Liberamente