---

 
 
Domenica, 20 Novembre 2016 08:39

Al Torino Film Festival, le cinque perle scelte da Salvatores

Gabriele Salvatores Gabriele Salvatores

 

dall’inviato Giacomo Martini

Torino - Diventa sempre più difficile seguire il programma poliedrico e piuttosto tumultuoso che, anche quest'anno, caratterizza la 34° edizione del Torino Film Festival, abituati come eravamo nel passato, non troppo remoto, ad una proposta certamente organica e ricca, ma selezionata per temi, autori, tendenze e retrospettive ben definite.

Ci troviamo davanti a sezioni con scelte piuttosto generali, per non dire generiche. Un esempio su tutti, la sezione “Festa Mobile” con ben 55 film provenienti da tutto il mondo di cui faticosamente si riesce a trovare un filo conduttore, a meno che non voglia essere una vetrina sul mondo: a questo punto ci arrendiamo. E speriamo che ci capiti la scoperta e il “capolavoro”, che per fortuna troviamo nella tradizionale piccola rassegna tesa a recuperare capolavori, appunto, del passato.

Si chiama “Cinque pezzi facili” e propone cinque film che non potevamo dimenticare: “Jules et Jim” di Francois Truffaut (1962), presentato da Gabriele Salvatores nella sua carica di direttore ospite, “Blow Up” di Michelangelo Antonioni (1966); “ If ...” di Lindsay Anderson (1968); “Alice's Restaurant” di Arthur Penn (1969) e “Fragole e Sangue” di Stuart Hagmann (1970). Cinque film che caratterizzarono quella straordinaria stagione del cinema internazionale e che sarebbe opportuno fossero proposti come testi di studio per le scuole di cinema.

Un'altra sezione significativa e ben determinata nei suoi contenuti, che incontrerà i favori del pubblico sopratutto giovanile, è “I Did It My Way – Essere Punk” che propone sette film, da “The Blanc Generation” di Ivan Kral (1976) a “Jubilee” di Derek Jarman (1978), “Rock'n'Roll Hight Scholl” di Allan Arkush (1979), “The Decline of Western Civilization” di Penelope Spheeris (1981), “Suburbia” di Penelope Spheeris (1983), “The Return of the Living Dead” di Dan O'Bannon (1985) fino a “Sid and Nancy” di Alex Cox (1986). Sette film tutti made USA che ci raccontano la nascita e la decadenza di una cultura, un modo di essere, di pensare e di vivere.

Non poteva mancare la rassegna dedicata al cinema horror che ieri sera ha aperto con la “Notte horror” al Cinema Massimo 1 con la proiezione di tre film a cominciare dalla mezzanotte “Sam was Here” di Christophe Deroo (Francia 2016); “The return of the Living Dead “ di Dan O'Bannon; “Sadako vs Kayako” (Giappone 2016).

Niente di nuovo sul fronte artistico, anzi vecchie logiche che sarebbe meglio tralasciare. Ci sono anche i convegni a cominciare da oggi, domenica 20 novembre, “Il Cinema e la Poetica del territorio”, incontro con Gabriele Salvatores. Lunedì 21, “Pensare con gli occhi: la politica delle immagini nell'opera di Harun Farocki”; sempre lunedì “Cinema e musica”, incontro con Gabriele Salvatores e Ezio Bosso, conduce Alberto Barbera.

Per il momento ci fermiamo qui. Ma avremo altre cose da raccontare, il festival chiuderà il 26 novembre.

Articoli correlati (da tag)

  • Torino Film Festival chiude con tremila spettatori in più e pensa al futuro

    dall'inviato Giacomo Martini

    Torino - I dati complessivi delle presenze al 34° Torino Film Festival confermano la tendenza alla crescita fatta registrare dalle precedenti edizioni, frenata soltanto dalla capienza delle sale a disposizione e dal budget ridotto, che è rimasto lo stesso dopo i tagli imposti in anni recenti.

  • La Cina trionfa al Torino Film Festival

    dall’inviato Giacomo Martini

    Torino - La Giuria di Torino 34 – Concorso Internazionale Lungometraggi, composta da Ed Lachman (USA, presidente), Don McKellar (Canada), Mariette Rissenbeek (Germania), Adrian Sitaru (Romania), Hadas Yaron (Israele), ha assegnato il premio come miglior film a “Juang Zhe / The Donor” di Qiwu Zang (Cina, 2016) con la seguente motivazione: “Siamo onorati di assegnare il premio a un film così meravigliosamente penetrante e poetico nella narrazione, nella performance, nella comprensione del mondo in cui proviamo a vivere. Pensiamo di aver trovato una nuova voce del cinema cinese che ci arricchirà tutti. Grazie”.

    Un uomo, la moglie, il figlio, un cugino ricco e la sorella di quest'ultimo che ha bisogno di un nuovo rene per non morire, un dramma cinese dalle atmosfere sempre più noir, un'analisi lucida ed intransigente dei rapporti di classe nella società contemporanea e dell'esigenza dolorosa di una morale. Grandi interpretazioni e straordinario il lavoro sul “sound design”. Teso e commovente. Il film ha vinto anche il Premio per la migliore sceneggiatura.

    Il Premio speciale della giuria – Fondazione Sandretto Re Rebaudengo è andato a “Los Decentes” di Lukas Valenta Rinner (Austria/Corea Del Sud/Argentina, 2016). “Questo film ci porta in un viaggio con Belén, una collaboratrice domestica di una ricca famiglia in un quartiere sorvegliato e recintato, che trova una via di fuga dal suo mondo claustrofobico quando scopre una comunità di nudisti che vive al di là del recinto. Los decentes esplora con grande sensibilità e penetrante spirito di osservazione l’impatto che questa nuova libertà ha sulla vita della donna. Allo stesso tempo, questa libertà provoca la reazione della borghesia del quartiere. Diamo il Premio Speciale della Giuria a questo film audace e originale”.

    Il Premio per la miglior attrice a Rebecca Hall per il film “Christine” di Antonio Campos (USA, 2016). Con la seguente motivazione: “L’attrice, con una fortissima presenza scenica e le molte sfumature della sua performance è riuscita a ritrarre perfettamente un personaggio commovente che è in conflitto emotivo con se stesso.” Il film racconta la storia vera della giornalista e conduttrice televisiva Christine Chubbuck famosa negli anni '70, la cui vita aveva ispirato il bellissimo film di Sidney Lumet “Quinto Potere”.

    Il Premio per il miglior attore è andato a Nicolas Duran per il film “Jesus” di Fernando Guzzoni (Cile/Francia, 2016), “Per un ritratto molto credibile, che veicola una gamma di emozioni, da parte di un talento così giovane e promettente”. La storia di un giovane dalla vita spensierata che si trova improvvisamente nei guai ed è obbligato a chiedere aiuto al padre con cui ha un pessimo rapporto.

    Il pubblico ha premiato “Wir Sind die Flut / We Are the Tide” di Sebastian Hilger (Germania, 2016), il film sulla scomparsa dei bambini sulle coste del Mar Baltico di cui abbiamo già parlato in un precedente articolo.

    Mi sento di condividere tutte le scelte della giuria e del pubblico con un solo rammarico, l'assenza di premi al bel film canadese “Avant Le Rues” di Chloè Leriche, Canada 2016. Ancora un ragazzo protagonista che si trova cpincolto accidentalmente in un omicidio.

    Il festival si chiude, ma si è aperta una discussione molto forte relativa al suo futuro. Il presidente della Fondazione che gestisce la manifestazione e il Museo del Cinema di Torino propongono di cambiare le date del festival per programmarlo nel mese di giugno per una maggiore apertura alla città; la direttrice Emanuela Martini è fermamente contraria. Vedremo come andrà a finire. Su tutti però incombe la nuova giunta grillina che pare non ami molto questo evento.

  • Torino Film Festival, il giorno di Roberto Bolle

    dall’inviato Giacomo Martini

    Torino - La 34° edizione del Torino International Film Festival ha girato la boa della prima parte della manifestazione e si accinge al rush finale.

  • Torino Film Festival apre con "Suffragette"

    Torino - “Suffragette” di Sarah Gavron (UK, 2015) è il film di apertura del 33° Torino Film Festival (20-28 novembre 2015).

  • Il Torino Film Festival al francese "Mange tet morts"

     

    dall'inviato Giacomo Martini

    Torino - Con la tradizionale sarabanda di premi si è concluso il 32° Torino Film Festival che, nonostante tutti i problemi determinati da una riduzione delle risorse ha confermato la sua buona salute facendo registrare un trend positivo ed in linea con l'edizione dello scorso anno tenendo in considerazione che i posti a disposizione del pubblico sono diminuiti per la mancanza di due sale.

Autoè

Banca di Pistoia

Poli Impianti