Sabato, 04 Novembre 2017 08:49

Festa del cinema. Entusiasma “Borg McEnroe”, tra storia e leggenda

I protagonisti del film I protagonisti del film

di Giacomo Martini

Roma - C’era molta attesa, da parte soprattutto dei giocatori e degli appassionati di tennis, per il film “Borg McEnroe”, una attesa non andata delusa.

Applausi scroscianti e grande soddisfazione per un’opera che per la prima volta porta al cinema una delle più straordinarie rivalità sportive di tutti i tempi che ha segnato non solo la storia del tennis, ma anche dello sport in generale.

Da una parte il freddo e compassato Bjorn Borg, dall’altra l’irascibile e sanguigno John McEnroe. Il primo per confermarsi re incontrastato del tennis, il secondo per spodestarlo. Ma il film non racconta solo lo spettacolo della partita, ma anche la loro vita tra il privato e il campo.

“Borg McEnroe” è il ritratto intimo, avvincente ed emozionante di due campioni protagonisti della storia del tennis e il racconto epico di una partita (la finale di Wimbledon, 1980) diventata una leggenda. Un film che si muove tra verità (la partita) e la leggenda. Ed ad aumentare il senso di verità è la partecipazione del figlio di Borg, Leo, nei panni di suo padre da giovane.

Un altro elemento che dà ancora maggiore “credibilità” alla storia ed al carattere dei due personaggi, è stato che Bjorn Borg si è fatto coinvolgere nel progetto a differenza di John McEnroe. Bravi anche gli attori, Averrir Gudnason nella parte di Bjorn Borg e Shia LaBeouf in quella di John McEnroe.

E’ tornato a Roma anche Steven Soderbergh con uno splendido lavoro che ha entusiasmato il pubblico dei critici e degli accreditati, “Logan Lucky” con Channin Tatum, Hilary Swank, Daniel Craig, Seth MacFarlane e Riley Keough. I fratelli Logan, Jimmy e Clyde per risollevare le sorti della famiglia decidono di mettere a segno una rapina alla Charlotte Motor Speedway, durante la leggendaria gara di auto Coca Cola. Per realizzarlo coinvolgono un esperto di esplosivi che fanno evadere dal carcere e si avvalgono anche dell’aiuto dei suoi due fratelli, alquanto sprovveduti. Ma il loro sogno svanisce a causa di un’agente, Sarah Grayson, della FBI.

Il film che si avvale di un cast stellare è una divertente commedia ricca di sorprese, di colpi di scena e di un umorismo cinico e graffiante. Il tutto narrato con il ritmo della musica pop-country made in USA e dei colori della Virginia, uno degli stati più montuosi degli Stati Uniti.

Una citazione particolare merita una produzione italiana, il primo lungometraggio del collettivo artistico-produttivo napoletano diventato famoso negli ultimi anni con la serie web come “Gay Ingenui”, “Lost in Google”, “Gli effetti di Gomorra sulla gente” e “Gli effetti di Desparacito sulla gente”. Il film è prodotto da The Jackal con Cattleya e distribuito da Rai Cinema. La regia è di Francesco Ebbasta che spiega così il suo film: “E’ un film leggero a cui abbiamo lavorato molto seriamente, una commedia di genere fantascientifico con inserti d’azione”. Ciro è un giovane disoccupato di trent’anni che vive a Napoli insieme alla madre. Poi finalmente arriva un’offerta di lavoro un po’ strana, dallo spazio, “Fino a dove sei disposto a spingerti per un lavoro?”, recita il teaser del film. Spiritoso, intelligente e divertente, con una sceneggiatura con troppe pause e cadute.

E’ arrivata anche Vanessa Redgrave, splendida e combattiva come sempre (è stata una militante trosckjsta in giovane età) per presentare il suo documentario “Sea Sorrow” sui migranti che cercano asilo in Europa. Il film è il risultato di una indagine fatta dalla stessa attrice in Italia e in Grecia, a Calais e a Londra. Una scelta coraggiosa che ha sostenuto con tutto il suo fascino e la sua passione nell’incontro con il pubblico ed i giornalisti.

Articoli correlati (da tag)

Liberamente