Mercoledì, 05 Settembre 2018 12:30

Tornano a Mantova gli incontri del Cinema d'Essai

Una foto della conferenza stampa di presentazione della rassegna Una foto della conferenza stampa di presentazione della rassegna

di Giacomo Martini

Venezia – Non solo grandi produzioni, stelle del cinema e registi di fama internazionale.

La Mostra del Cinema di Venezia, oltre a proporre film provenienti da ogni parte del mondo, è anche l’occasione per presentare progetti ed eventi futuri, vista anche la forte presenza di operratori del settore e della stampa.

E quindi non poteva mancare la tradizionale conferenza stampa della FICE (Fedrazione Italiana Cinema D’Essai) che ha presentato il programma degli “Incontri del Cinema d’Essai” che si svolgeranno a Mantova per il decimo anno consecutivo dall’8 all’11 ottobre. Infatti, la città lombarda ospiterà la XVIII edizione degli Incontri del Cinema d’Essai. 

La manifestazione, promossa dalla FICE, Federazione Italiana Cinema d’Essai, è stata presentata ieri mattina allo spazio Ente dello Spettacolo dell’Hotel Excelsior di Venezia. Gli Incontri del Cinema d’Essai sono il principale appuntamento professionale del cinema di qualità, al quale partecipano oltre seicento professionisti del settore. In programma numerose anteprime, trailer, incontri con i protagonisti del cinema, la consegna dei Premi Fice, e molti appuntamenti aperti al pubblico. Sedi degli Incontri saranno la Multisala Ariston, il Cinema del Carbone, il Teatro Bibiena e Palazzo Ducale. All’incontro di oggi sono intervenuti il consigliere del Comune di Mantova con delega alla cultura Giovanni Pasetti, il Direttore della  Fondazione BAM Graziano Mangoni, il Presidente FICE Domenico Dinoia, il Presidente ANEC Mario Lorini e l’esercente mantovano Paolo Protti. 

Tra le numerose anteprime in programma Cold War di Pawel Pawlikowski, Colette di Wash Westmoreland,Woman at War di Benedikt Erlingsson e Styx di Wolfgang Fischer (entrambi candidati al Premio Lux del Parlamento Europeo). Ancora, da Venezia Capri Revolution di Mario Martone, What you gonna do when the world's on fire di Roberto Minervini. Infine, per la città di Mantova, dove è stato girato, la versione digitalizzata di Le stagioni del nostro amore di Florestano Vancini (1966) alla presenza della figlia Gloria. Tra i Premi FICE 2018, sono state annunciate a Venezia le presenze di Mario Martone (Premio Fice come regista dell'anno) e dei gemelli Fabio e Damiano D'Innocenzo (premiati per l'opera prima La terra dell'abbastanza).

Alla realizzazione degli Incontri hanno contribuito il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, il Comune di Mantova, la Fondazione Banca Agricola Mantovana, la Mantova Film Commission e la Regione Lombardia.

 

Articoli correlati (da tag)