Lunedì, 09 Luglio 2018 15:20

"Parole di Pietra" incise su pietra serena tra Sambuca e Fiumalbo

La stele con i versi di Dacia Maraini La stele con i versi di Dacia Maraini

Sambuca Pistoiese – I versi di diciotto poeti, letterati, cantautori e musicisti saranno incisi su stele di pietra serena, in un'esposizione permanente e diffusa nelle frazioni di Sambuca Pistoiese e nel borgo storico di Fiumalbo in provincia di Modena.

La presentazione della seconda edizione del progetto “Parole di Pietra”, patrocinato dai comuni di Sambuca Pistoiese e Fiumalbo, avverrà il prossimo 15 luglio alle ore 11 presso la Chiesa di Sambuca dove verranno rese pubbliche le opere, in occasione della festa “Genti e Borghi della Sambuca”.

Ideatrice dell'originale iniziativa è Sabina Perri, di professione medico chirurgo, odontoiatra e specialista in medicina estetica, con una passione per l'arte e già promotrice di eventi locali di cultura, musica e poesia.

“Come è nato il progetto? Una mattina, alla fine del mio turno di lavoro nel comune di Sambuca – ha raccontato – durante la consueta sosta al bar di Pablo Massaini sulla Porrettana ho espresso ad alta voce il desiderio di realizzare nel nostro territorio delle stele poetiche scolpite su pietra serena. Mi è sembrato un modo originale per valorizzare le frazioni del comune sparso di Sambuca e il borgo antico di Fiumalbo provincia di Modena e per lasciare una traccia duratura dell'identità del nostro territorio, attraverso le parole di artisti e personaggi che, oltre ad essere amici, sono in qualche modo legati alla nostra Montagna. La mia idea è stata subito accolta con entusiasmo dagli amici presenti, che si sono subito attivati e hanno offerto il loro contributo per realizzare il progetto”.

Massimo Labanti ha tagliato e consegnato la pietra serena, il pittore Pablo Massaini e il maestro scultore Giorgio Fraino hanno scolpito le opere su pietra, Antonio De Vita ha realizzato parte delle sculture, il fotografo Angelo Celsi ha una fotografato le opere per la pubblicazione del catalogo della mostra.

Rispetto all'anno scorso, la seconda edizione ha voluto coinvolgere anche la montagna modenese per creare un ponte virtuale "di parole" in senso di rispetto e amicizia.

Oltre alla stessa Perri, sono diciotto gli artisti che hanno aderito all'iniziativa, donando su richiesta della ideatrice i propri versi da incidere sulla pietra: Dacia Maraini, Mogol, Michele Ciliberto, Eugenio Giani, Edgardo Ferrari, Mirto Campi, Federico Pagliai, Annamaria Dulcinea Pecoraro, Rossana Melani, Iole Natoli, Piero Salvatori, Paolo Fresu, Walter Chiappelli, Giuseppe Oliveiro in arte Acquaraggia, Giuseppe Anastasi, Gabriele Savarese e Glauco Borrelli.

Durante il medesimo evento verranno esposte le due Stele Poetiche realizzate con la frase donata al progetto da Sua Santità Papa Francesco che saranno collocate in mostra permanente a Taviano, frazione di Sambuca Pistoiese, e a Fiumalbo.