Speciali Reportcult: PISTOIA BLUES | PRESENTE ITALIANO


 
 

Sabato, 24 Ottobre 2020 16:43

“Il Sindaco del Rione Sanità” vince la sesta edizione di Presente Italiano

Una scena del film "Il sindaco del rione sanià" Una scena del film "Il sindaco del rione sanià"

di Francesco Belliti

Pistoia - Si chiude con successo un festival che ha voluto resistere per gli appassionati e per le sale cinematografiche

Si è conclusa ieri sera la sesta edizione di Presente Italiano, con l’annuncio del film vincitore prima dell’ultima proiezione: l’omaggio a Pupi Avati con il suo cult ‘Regalo di Natale’. A ricevere la media voto più alta, da parte di tutto il pubblico presentatosi al Cinema Roma nei giorni del festival, è stato infine ‘Il Sindaco del Rione Sanità’.

Diretto da Mario Martone (‘Noi credevamo’, ‘Il giovane favoloso’), è un adattamento cinematografico del capolavoro di Eduardo De Filippo, fedele nel testo quanto contemporaneo nell’ambientazione. Un dramma quasi sempre in interni, dove i protagonisti della famosa pièce teatrale possono sembrare, inizialmente, delle banali repliche della serie di ‘Gomorra’, ma che col passare dei minuti aumentano sensibilmente di credibilità, raccontando un’odierna storia di criminalità dove nessuno muore vecchio.

Un film di ispirazione e stile teatrale, dunque, trionfa in questa particolare e complicata edizione. Presente Italiano, in quest’anno pandemico, ha fatto una scelta radicale e coraggiosa che molte altre kermesse hanno rinunciato a seguire: esserci, in presenza e in sala.

Non ci sono stati, per ovvie ragioni, i super-ospiti o gli eventi disseminati lungo il centro cittadino, tuttavia è stata offerta una delle migliori selezioni della seppur breve storia del festival: dal film vincitore al ‘Martin Eden’ di Pietro Marcello, dal debutto del fumettista Igort ‘5 è il numero perfetto’ al toccante documentario ‘Molecole’.

Un programma esclusivamente in sala e per le sale cinematografiche, terribilmente provate dall’ultimo periodo nonostante siano tra i luoghi più sicuri in cui recarsi. Con i contagi in continuo aumento e lo spettro di un secondo lockdown, la paura ha probabilmente contribuito a ridurre ulteriormente i partecipanti a questa festa del cinema pistoiese.

Presente Italiano, grazie al suo direttore artistico Michele Galardini e a tutto lo staff, è stato capace di crescere a dismisura nel corso del suo primo lustro di vita, arrivando l’anno scorso ad ospitare un mostro sacro della commedia italiana come Carlo Verdone.

Questo sesto anno potrà essere visto come quello di transizione, oppure, come lo ha definito Claudio Bartolini, partner di lungo corso del festival, “l’anno della resistenza prima di ricominciare a crescere”. Lo vogliamo sperare, anzi vogliamo crederci.

Proprio in questo anno difficilissimo, ReportCult ha voluto avviare una collaborazione con Presente Italiano: questo per dare al festival lo spazio e la copertura che merita, per raccontare approfonditamente gli eventi e le persone che si succedono all’interno di questa bellissima kermesse, così come l’affetto che gli appassionati di cinema provano ormai da anni per essa. E perchè crediamo fortemente nel valore del cinema come esperienza da condividere insieme, in presenza, all'interno di una sala.

La scommessa è che Presente Italiano non solo ci sarà, ma che riprenderà il discorso bruscamente interrotto dai terribili avvenimenti di questi ultimi mesi. Quindi, non possiamo fare altro che darvi appuntamento per la settima edizione del festival.

 

Articoli correlati (da tag)