Sabato, 09 Settembre 2017 15:38

Pistoia Capitale, un concerto in Cattedrale per ricordare Massimo Freccia

Da sinistra a destra: Paolo Zampini, Massimo Bacci, Alessandro Tomasi e Gian Piero Ballotti Da sinistra a destra: Paolo Zampini, Massimo Bacci, Alessandro Tomasi e Gian Piero Ballotti

di Andrea Capecchi

Pistoia – Un concerto sinfonico per ricordare e rendere omaggio al pistoiese Massimo Freccia, uno dei più autorevoli direttori d'orchestra a livello internazionale del Novecento.

L'appuntamento è per mercoledì 19 settembre alle ore 21 nella Cattedrale di San Zeno di Pistoia, dove l'orchestra sinfonica giovanile intitolata al defunto maestro sarà protagonista di una serata di grande musica, con l'esecuzione di brani tratti dalle opere di Manfredini, Verdi, Mussorgsky e Dvorak.

L'orchestra giovanile “Massimo Freccia”, diretta dal maestro Massimo Bacci e composta attualmente da circa quaranta elementi, è nata dalla decisa volontà di riproporre anche oggi in Italia quel grande progetto di diffusione della cultura musicale che Freccia realizzò negli anni Cinquanta e Sessanta negli Stati Uniti, riuscendo a coinvolgere scuole, ospedali, fabbriche e carceri.

“Freccia, nostro illustre concittadino, è stato giustamente definito uno dei più importanti ambasciatori della cultura musicale italiana nel mondo durante il secolo scorso – ha ricordato il maestro Bacci – soprattutto in virtù del successo che egli raccolse in America riuscendo, grazie a molti sforzi, a far uscire la musica sinfonica dai teatri e a portarla anche in radio, rendendo il suo ascolto non più limitato a una stretta cerchia elitaria, ma fruibile e accessibile a tutti. Con questa iniziativa all'interno del Pistoia Festival intendiamo omaggiare una figura umana e professionale di altissimo spessore, dominata da una passione per la musica e il suo insegnamento alle nuove generazioni che ha contraddistinto il maestro Freccia fino agli ultimi anni di vita, e allo stesso tempo ricordare un personaggio che ancora oggi è celebrato all'estero molto più che in Italia e nella natia Pistoia”.

Massimo Freccia (1906-2004), discendente da un'antica famiglia fiorentina, nacque a Valdibure, località collinare poco distante da Pistoia. Dopo essersi diplomato al conservatorio “Cherubini” di Firenze compì viaggi di studio e perfezionamento a Budapest, Vienna, Parigi e Berlino, coltivando importanti amicizie e ottenendo, nel 1934, la direzione dell'orchestra sinfonica della capitale ungherese. Trasferitosi in seguito negli Stati Uniti su invito di Arturo Toscanini, di cui era allievo e amico, Freccia assunse la direzione della prestigiosa Philarmonic Orchestra di New York, iniziando a dirigere concerti in tutte le principali città statunitensi. Nel dopoguerra fu direttore dell'orchestra sinfonica della RAI e della Symphony Orchestra di Londra. Fu amico di musicisti e compositori come Ravel, Horowitz, Rubinstein, Serkin, Rossellini, Rota e Molinari, diventando un punto di riferimento e un modello per molti colleghi direttori d'orchestra.

L'evento, a ingresso libero, è organizzato dall'Associazione culturale “Massimo Freccia” in collaborazione con il Comune di Pistoia e l'Associazione culturale “Amici di Groppoli”.

 

Articoli correlati (da tag)