Mercoledì, 11 Luglio 2018 08:48

Pistoia Blues Festival, quasi cinquemila in piazza per Alanis Morissette

La Morisette sul palco di piazza del Duomo La Morisette sul palco di piazza del Duomo Carlo Quartieri

di Leonardo Cecconi

 

PISTOIA – Non è stato un concerto memorabile, ma tornare a vedere tanta gente in piazza è già una bel traguardo.

Cosi come tornare a vedere lunghe file d'ingresso a Piazza del Duomo, un centinaio di metri quella formatasi intorno alle 21, che testimoniano quanto il Pistoia Blues Festival sia manifestazione amata e seguita.

 

In tutto questo forse la più deludente è stata proprio lei, Alanis Nadine Morissette, al secolo Alanis Morissette, cantautrice canadese che negli ultimi anni era un po' scomparsa dai radar italiani.

 

Complice forse una voce non al meglio, la Morissette non ha certamente incantato, mettendo impegno e poca passione nel concerto pistoiese. Seconda data del tour italiano che ha toccato Roma e terminerà con Milano, la musicista naturalizzata statunitense è rimasta sul palco per poco più di un'ora e mezza di fronte a quasi cinquemila persone calorose e appassionate.

 

La partenza è di quelle importanti con la hit All I Really Want, proseguendo sempre con grande energia grazie a Forgiven e Woman Down. Pian piano dal microfono la voce inizia a calare, forse per colpa di qualche problema tecnico o forse perchè la Morissette non è più una ragazzina, ma la sensazione è che qualcosa non funzioni al meglio.

Tra una armonica a bocca ed un cambio di chitarra, Alanis corre per il palco con la sua proverbiale grinta, mancando però in carisma e somigliando a una Joe Cocker "al femminile" in alcune movenze delle mani; si prosegue con Guardian, Right Through You, Hand In My pocket, Hands clean e Wake up, tutti brani rigorosamente del passato, senza accenni al nuovo disco in uscita.

Il momento più coinvolgente del concerto arriva con il primo brano del bis, grazie ad una Uninvited nella quale la Morissette si scatena in una danza quasi sciamanica, per terminare con la famosissima Thank U.

Una data non memorabile, ma l'ennesimo artista di fama mondiale che arriva nella nostra città grazie a una manifestazione che, da venerdi, entrerà nel vivo con il concerto di James Blunt, una serie importante di eventi collaterali (non dimenticate il Teatro Bolognini) e il ritorno al tanto “chiacchierato” mercatino.

Articoli correlati (da tag)

Liberamente