Venerdì, 31 Agosto 2018 09:26

Il prigioniero è libero. Caparezza da tutto esaurito a Prato

Un momento dello show Un momento dello show Leonardo Cecconi

di Leonardo Cecconi

PRATO – Penultima tappa da tutto esaurito per il Prisoner 709 Tour di Caparezza, che dopo Lucca ha toccato un'altra città toscana.

Ieri sera, in una affollatissima Piazza del Duomo pratese, il cantautore pugliese ha messo in scena uno dei suoi coloratissimi spettacoli con coriste, ballerini e tante trovate ad effetto. Prisoner 709 è un disco introspettivo, a differenza di uno show live esaltante e festaiolo nel quale Caparezza libera la sua energia e regala oltre due ore di musica, con alcune intuizioni spettacolari. Si parte con L’infinito ed i suoi robot che escono da una porta meccanica, passando per Prisoner 709 ed Argenti vive, brano che parla di un dialogo tra Dante e Filippo Argenti a cavallo del terrificante Cerbero. Si va avanti con La mia parte intollerante, Larsen, Sono il tuo sogno eretico, Confusianesimo, Vengo dalla luna e Dalla parte del toro. Tra cambi di abito e di coreografia, Caparezza scalda sempre di più il motore ed il pubblico lo segue in danze scatenate come in China Town, Una chiave, Prosopagno sia!, La rivoluzione del sessintutto e L’uomo che premette.

Dentro una simbolica ruota da criceto, il cantautore corricchia intonando Goodbye Malinconia, fino all'esplosione della piazza con la trascinante Vieni a ballare in Puglia.
Non me lo posso permettere, Abiura di me e Ti fa stare bene chiudono il concerto, prima del bis aperto da Il testo che avrei voluto scrivere. Caparezza dedica al pubblico la hit Fuori dal tunnel, la “canzone che lo ha reso libero” come ha dichiarato lui stesso sul palco, abbassando le luci sulla serata con una lezione d'arte prima di Mica Van Gogh e chiudendo con Sogno di potere.

Una grande serata di musica, con il Settembre pratese che prosegue questa sera con l'atteso concerto dell'unica data italiana per i The Darkness.

Articoli correlati (da tag)