Martedì, 12 Giugno 2018 17:30

"La sorella di Gesucristo" di De Summa apre la rassegna "Teatri di Confine"

Oscar De Summa in una scena dello spettacolo (foto di Lucia Baldini) Oscar De Summa in una scena dello spettacolo (foto di Lucia Baldini)

Pistoia - “La sorella di Gesucristo” di Oscar De Summa, in scena giovedì 14 giugno, ore 21.30 (Le Stanze, Via Curtatone e Montanara, 16 - Pistoia) è il primo dei quattro appuntamenti di “Teatri di Confine”.

La rassegna è organizzata da Fondazione Toscana Spettacolo onlus e Associazione Teatrale Pistoiese, all’interno del Pistoia Teatro Festival 2018; l’ultimo capitolo della trilogia “ritratto di artista da giovane” (i primi due spettacoli Diario di Provincia e Stasera sono in vena), dedicata ai ricordi dei suoi primi vent’anni di vita.

Lo spettacolo – Premio della critica Hystrio 2016, premio Rete Critica 2016 e premio Mariangela Melato 2017 – è in scena in un luogo di particolare fascino, raramente aperto al pubblico, Le stanze, già sede della settecentesca Accademia degli Armonici e, fino a qualche decennio fa, frequentato luogo di incontro sociale con sale da ballo, da gioco e da lettura, nonché spazio per musica e teatro.

“La sorella di Gesucristo” narra una storia tanto semplice quanto terribile. Una ragazza prende in mano una pistola e attraversa tutto il paese per andare a sparare al ragazzo che la sera prima, il venerdì santo della passione, l’ha costretta a subire una violenza. Una camminata che obbliga tutti coloro che la incontrano a prendere una posizione netta nei suoi confronti: si comincia dai familiari, per coinvolgere man mano tutti gli abitanti del paese fino a rivelare la società degli anni ’80, convinta di un progresso automatico e teso all’infinito, tutta incentrata sull’arroganza del maschio dominatore.

Un racconto lineare e scorrevole, che si districa attraverso l’ironia per una comprensione più emotiva e consapevole che razionale, non tralasciando come alter-ego della narrazione né l’ordine del profondo né del necessario.

Biglietti da 6 a 12 euro, informazioni e prenotazioni presso la biglietteria del Teatro Manzoni.

 

 

Articoli correlati (da tag)

Liberamente